Shopping cart Carrello 0 Prodotto Prodotti (vuoto)

Nessun prodotto

Da determinare Spedizione
0,00 € Totale

Pagamento

Prodotto aggiunto al tuo carrello
Quantità
Totale
Ci sono 0 articoli nel tuo carrello. Il tuo carrello contiene un oggetto.
Totale prodotti
Totale spedizione  Da determinare
Totale
Continua lo shopping Procedi con il checkout

CACIO E PEPE

28,00 € iva incl.

Nuovo prodotto

Descrizione

Da secoli, per Roma la “Cacio e pepe” è motivo di vanto e orgoglio. E’ l’istituzione, un po’ come la terrazza del Pincio e il Colosseo.

Piatto tipico che porta con sé storia e tradizione, racchiudendo l’anima popolana di Roma, votata alla maestosità e che non dimentica mai la semplicità dei suoi rioni, la genuinità delle sue disordinate borgate.

Prepariamoci una cacio e pepe!

Per 4/5 persone

Maggiori dettagli

Maggiori info

Non si può dire di apprezzare/amare Roma se non si è mai mangiato un bel piatto di “Cacio e Pepe” in una tradizionale Osteria romana!

La storia della “Cacio e pepe” nasce tra i pascoli, durante la transumanza, dove, i pastori dell’agro romano, riempivano la bisaccia di alimenti calorici e a lunga conservazione per sopravvivere ai lunghi spostamenti del gregge. Non mancavano mai qualche fetta di cacio pecorino, un sacchetto di pepe nero in grani e spaghetti essiccati preparati a mano con acqua, sale e farina. Questi ultimi tre alimenti, venivano scelti per delle ragioni ben precise: il pecorino stagionato si conserva a lungo, la pasta garantiva il giusto apporto di carboidrati e calorie e il pepe nero stimola direttamente i recettori del calore e aiutava i pastori a proteggersi dal freddo.

La cacio e pepe si è diffusa dalla campagna laziale fino ai monti abruzzesi e umbri e, ci ha messo poco tempo a trasformarsi da pasto frugale a piatto simbolo della romanità nelle tipiche e tanto amate osterie romane.

Tradizione o leggenda, si narra che gli osti del tempo servivano una cacio e pepe molto secca in modo da favorire gli affari: Il piatto doveva “intorzare”, come si dice in romano, in modo che i clienti avessero bisogno del vino per mandar giù la pasta, così più Cacio e pepe mangiavano più vino bevevano.

Oggi, il segreto della riuscita di questa ricetta, oltre alla qualità degli ingredienti, sta proprio nella famosa “cremina” che si ottiene grazie ad una perfetta mantecatura degli ingredienti, soprattutto trovando il giusto equilibrio tra pecorino romano e acqua.

Contenuto della confezione

Correlati